Lo schiacciatore è anche ingegnere Per Federico Spizzo 110 e lode dal divano

La Nuova Venezia (21-03-20)

PORTOGRUARO

Con i campionati congelati chissà fino a quando, non ci sono vittorie da celebrare sul campo. Ma la Portomotori Demenego Portogruaro (B maschile) è comunque in festa. Lo spumante è stato stappato per Federico Spizzo. Nei giorni scorsi lo schiacciatore del team portogruarese ha conseguito con il 110 e lode la laurea magistrale in Ingegneria Ambiente e Territorio all’Università di Udine, dopo aver ottenuto già quella in Ingegneria Civile. Una laurea dal salotto di casa, viste le ristrettezze di movimento imposte dal’emergenza sanitaria. «È stato sempre un momento emozionante. Ma con meno tensione rispetto alla laurea davanti alla commissione e al pubblico» confessa Spizzo, «svolgendosi a casa, il contesto dell’esame è uguale alle prove fatte nei giorni precedenti. P

oi, mentre gli altri discutono il loro elaborato, sei seduto tranquillamente sul divano. Eravamo in sei laureandi, tutti collegati tramite computer con la commissione». Federico Spizzo ha discusso la tesi in salotto, ma senza familiari ad ascoltare. «Una cosa è essere di fronte a una platea, un’altra avere i tuoi familiari davanti sul divano. Magari alzi lo sguardo e ti deconcentri», racconta, «alcuni familiari erano in cucina, mio padre era di sotto per controllare che nessuno suonasse il campanello e mia madre lavorava».


Nell’esilio forzato a casa Spizzo sta anche proseguendo gli allenamenti individuali. «Seguiamo le schede che ci ha dato la società. Ci si arrangia con delle casse d’acqua o con i pesi, per chi li ha» prosegue «tra noi giocatori siamo in contatto. L’altra sera ci siamo visti tutti in video conferenza». La ripresa del campionato però resta un'incognita. Sul campo la Portomotori stava guadagnando la salvezza. «Non siamo mai stati fortemente a rischio anche se durante la stagione siamo stati un po’ altalenanti» conferma Spizzo, «il campionato è stato bloccato proprio quando iniziava il giro di partite che contano. Avevamo di fronte cinque match di fila contro le dirette rivali. A Portogruaro sto. L’anno scorso, quando mi hanno chiamato dopo aver fatto il salto in serie B, ho visto subito che la società vuole crescere in modo serio e graduale. Purtroppo lo scorso campionato per un pelo non ci siamo salvati, ma quest’anno ci siamo rinforzati. Poi a Portogruaro c’è un pubblico meraviglioso». Originario di Treppo Grande, paesino tra Udine e Gemona, Spizzo ha fatto grandi sacrifici per coniugare università e pallavolo. «Se ci sono riuscito» sottolinea, «gran parte del merito va alla mia famiglia, che mi ha dato supporto in tutti i modi possibili». —

Giovanni Monforte 

Prima Vittoria esterna

Così coach Paolo Mattia dopo la vittoria di Borgoricco.
"Siamo partiti molto bene contro una squadra molto forte soprattutto nelle individualità,  magari nel gioco non sono sempre  fluidi, però hanno delle fisicità importanti che siamo riusciti a contenere bene. Nel primo set  vincevamo addirittura 22 a 14 ma, quando loro hanno deciso di giocare, è stata veramente dura resistere, infine, anche grazie ad un paio di cambi, abbiamo portato a casa il set.
Nel secondo set  sul 4 a 1 per loro abbiamo reagito benissimo facendo palla su palla  siamo andati via  e abbiamo condotto fino alla fine.
Nel terzo è subentrata un po' di stanchezza, dal 13 pari abbiamo perso  lucidità, abbiamo provato un doppio cambio senza Lian infortunato e con Zuer  opposto autore comunque di una buona partita; peccato che ci siamo un attimino incantati su di una rotazione e l'abbiamo pagata.
Nel quarto più o meno è stato un punto a punto fino al 15-16,  è uscito Pilot, influenzato, per De Giovanni che si è comportato comunque bene,  loro  ci hanno messo in grossa difficoltà con la battuta, noi in difesa e a muro siamo stati molto bravi ma non riuscivamo ad esprimerci al centro come nei primi 2 set per mille motivi. L'hanno portato a casa loro per una questione di episodi, alla fine 2 aces e delle situazioni a cui è andata meglio agli avversari.
Al tie-break siamo partiti col piglio giusto per non perderne un altro in trasferta; siamo stati sempre avanti ma sul 14 a 11 per noi ci ha preso la paura di vincere, un po' condizionati dai precedenti, e loro ci hanno raggiunti sul 14 pari. Poi per fortuna abbiamo cambiato subito e siamo riusciti a portarla a casa direi meritatamente. E' stata una buonissima partita da parte di tutti, di chi è subentrato anche solo per un momento e di chi ha giocato sempre. La strada è buona speriamo di continuare, anzi vogliamo continuare a tenere  questo atteggiamento e a  migliorare ulteriormente in alcune cose  per avere ancora  più qualità. E' difficile dire se basterà ma sono sicuro che se giocheremo sempre così ci possiamo salvare, anche perché il Massanzago in casa loro è un cliente difficile per tutti e quindi sono 2 punti importantissimi. Ora in casa affronteremo il Monselice  in super forma che da quando ha iniziato a vincere non si è più fermato..... Sarà durissima ma sono sicuro che il pubblico ci darà una mano e noi, se giochiamo come ieri, possiamo provare a  portare a casa qualcosa di importante contro una squadra che comunque all'andata ci aveva battuti."
s&r

U14F Utilmeccanica ancora imbattuta

1° posto assicurato del girone A di U14F Pordenonese.
Con la vittoria di questa sera la nostra #U14F_UtilMeccanica ha distanziato di 8 punti la seconda squadra in classifica, #Ide_Cordenons, squadra con cui all'andata aveva subito l'unico set a sfavore
Risultato finale 3-0; 25-15, 25-14, 25-8 i parziali. Partita mai stata in discussione servita anche per fare ruotare tutte le ragazze a disposizione di coach Francesca Nicodemo.
Da notare moltissimi ace, punti in battuta, fatti da tutte le nostre giocatrici, e un punto nel terzo set fatto con una respinta dal nostro libero "Annina".
Ora avremo ancora 2 partite alla fine del girone, per limare ancora di più le piccole imperfezioni di gioco, e per prepararci agli scontri decisivi per il titolo provinciale.
Grandi Raga. 💪🔝😎👍🏐🇳🇬
#AncheOggisiPerdeDomani

Un punto conquistato.

Un buon punto conquistato dalla PortomotoriDemenego in quel di Padova, contro un Kioene che ha avuto il merito di non mollare mai, anche sotto di 2 set. Comincia bene il match per coach Mattia , che schiera Zoia tra i titolari e da subito fa valere i suoi centimetri e la sua energia! Primo set nettamente a favore del Porto, pochi errori e bel gioco, anche il secondo set  come il primo. 
Terzo set, una vera e propria battaglia, i  padovani cominciano a farsi più pericolosi e a far valere i loro centimetri, questa volta complice un po' di sfortuna, il set va al Kioene 28 a 26. Stesso copione il quarto set, 25 a 23 per gli avversari. La partita termina 3 a 2 per il Padova. Da lunedì nuovamente in palestra a lavorare su nuove situazioni  di gioco per cercare di dar meno riferimenti possibili agli avversari, 15 giorni di allenamenti intensi per ricominciare il giorno 8 febbraio il girone di ritorno, fuori casa, contro Massanzago. FORZA RAGA, diamoci dentro!🇳🇬🇳🇬🇳🇬

Bella e sfortunata

Nonostante l'ottima prestazione in campo la nostra serie CM Fraser Group perde 3-0 in casa contro la Dual Mgr Verona prima in classifica e ancora imbattuta. 
Ultima partita per il nostro opposto Thomas Carrer, che per motivi di lavoro deve lasciare il gruppo, ed esordio per Cristian Corazza, nuovo acquisto della squadra.
Esordio in CM anche per l'allenatore Rolando Stefanuto che sostituisce Miltcho alla guida del gruppo. A tutti un grande in bocca al lupo!!!